Rifugio Cesare Tomè | Agordino Dolomiti

Rifugio Cesare Tomè al Passo Duran

La Valle Agordina | Agordino Dolomiti

 

 

Il Rifugio Cesare Tomè al Passo Duran è un accogliente rifugio alpino delle Dolomiti Patrimonio Naturale dell’Umanità UNESCO collocato in posizione suggestiva e panoramica sulla strada del Passo Duran (tra Agordino e Val di Zoldo, Provincia di Belluno) tra le imponenti moli del San Sebastiano e della Moiazza, nel territorio del Comune di La Valle Agordina.

Dedicato alla memoria del grande pioniere dell’alpinismo in Dolomiti Cesare Tomè (1844-1922) ed edificato nel 1952 (sebbene un rifugio precedentemente costruito, poi bruciato, si trovasse sul passo dal 1928), Il Rifugio Cesare Tomè è gestito da anni dalla Guida Alpina e grande alpinista Soro Dorotei, esperto conoscitore di queste e di altre montagne; il Rifugio Cesare Tomè al Passo Duran dispone di 22 cuccette e può ospitare durante i periodi di apertura fino a 90 coperti. Il Rifugio Cesare Tomè al Passo Duran propone una golosa cucina tipica agordina con i piatti, semplici e gustosi, della tradizione dolomitica.

Situato sulla famosissima Alta Via delle Dolomiti n.1 Braies-Belluno, il Rifugio Cesare Tomè è un’eccellente sosta o punto di pernottamanto per i tantissimi escursionisti impegnati ogni anno su questo sentiero, data la prossimità del gruppi montuosi del San Sebastiano e Moiazza-Civetta, il Rifugio Cesare Tomè è un punto logistico ottimo anche per l’esplorazione, sia escursionistica che alpinistica, di queste meravigliose vette delle Dolomiti (il rifugio è dotato di docce e servizio lavanderia per i propri clienti). Per conoscere i periodi e gli orari di apertura aggiornati del Rifugio Cesare Tomè potete fare riferimento ai contatti dei gestori e dell’Ufficio Turistico di riferimento che trovate qui sotto.

 

Informazioni:

Rifugio Cesare Tomè al Passo Duran, tel. +39 0437 65199, +39 0437 32034, +39 340 3831079
Pro Loco La Valle Agordina, tel. +39 0437 63928, prolocolavalleagordina@gmail.it

 

Il Passo Duran dalla Cima Nord di San Sebastiano

 

Torna a: Rifugi in Agordino

Commenti chiusi