Selva di Cadore

Agordino Dolomiti

Selva di Cadore è uno splendido paese delle Dolomiti Patrimonio Naturale dell’Umanità UNESCO situato in Val Fiorentina ai piedi del 1° dei 9 sistemi ufficiali delle Dolomiti riconosciuti e tutelati dalla Fondazione UNESCO Dolomiti, ovvero il sistema Pelmo – Croda da Lago; Comune a marcata vocazione turistica, Selva di Cadore si presenta al visitatore come una splendida valle dalla natura rigogliosa, con uno stupendo paesaggio dolomitico e con da una storia grandiosa ed importante. Il territorio comunale è costituito da più abitati, le antiche “Vile” [ville], il cui capoluogo è Selva di Cadore, il nucleo più abitato del Comune. L’accesso per Selva di Cadore al comprensorio sciistico dello Ski Civetta, membro del Dolomiti Superski, è la località di Pescul, dove sorge la seggiovia Pescul – Fertazza.

La Val Fiorentina e Selva di Cadore con Pelmo sullo sfondo

La Val Fiorentina e Selva di Cadore con Pelmo sullo sfondo

IL LEGAME COL CADORE

Come suggerisce lo stesso toponimo, Selva di Cadore era in passato (fino al Trattato di Campoformi del 1797) indipendente dalle Regole Agordine e dipendente dalle Regole del Cadore; Selva di Cadore era di fatto posta sotto l’amminstrazione di San Vito di Cadore e costituiva una sorta di protettorato cadorino; sarebbero stati proprio i cadorini i primi a sfruttare le grandi ricchezze minerarie e boschive della Val Fiorentina attorno al XIII Secolo; lo stesso toponimo “Val Fiorentina” sembrerebbe tra l’altro prendere il nome da una misteriosa nobildonna cadorina, Fiorentina appunto, vissuta nel XV Secolo. Un interessante itinerario culturale per tutta la famiglia che illustra il rapporto tra Selva di Cadore ed il Cadore è il suggestivo viaggio attraverso Forcella Forada, antica via di comunicazione con San Vito di Cadore.

La chiesa di Santa Fosca a Selva di Cadore

Selva di Cadore

SANTA FOSCA

Oltre ad un’ampia scelta di meravigliose escursioni in un contesto naturale stupendo, di rifugi collocati in posizioni spettacolari, di sentieri adatti al trekking, alla Mountain Bike ed ad una miriade di sport di montagna e naturalmente alle svariate possibilità garantite dagli impianti di risalita dello Ski Civetta, Selva di Cadore offre al visitatore una notevole serie di servizi per la famiglia e di moderni impianti sportivi: nella frazione di Santa Fosca sorgono le aree sportive del Comune di Selva di Cadore nonchè il piacevole Bar Baita Al Sole che organizza sempre tantissime attività per i piccoli ospiti di Selva di Cadore come i corsi estivi di arrampicata sportiva. Questa frazione di Selva di Cadore ospita anche la bellissima chiesetta di Santa Fosca risalente al 14° Secolo e riedificata nel 1421; la chiesa di Santa Fosca presenta un particolare campanile con cupola a cipolla e la facciata è decorata con un suggestivo affresco di San Cristoforo e con l’immagine di Santa Fosca. All’interno la chiesa di Santa Fosca contiene un magnifico altare risalente al 17° Secolo, un tabernacolo a tempietto e due altari laterali.

MUSEO CIVICO DELLA VAL FIORENTINA

Come non menzionare poi la straordinaria offerta culturale del Comune di Selva; poco discostato dalla magnifica chiesa di San Lorenzo a Selva di Cadore si trova infatti il prestigioso Museo Civico della Val Fiorentina “Vittorino Cazzetta”, la punta di diamante delle proposte culturali del territorio. Si tratta di una recentissima sede museale dotata di 3 interessanti sezioni espositive dedicate alla Paleontologia, all’Archeologia ed alla Storia della Val Fiorentina e della zona del Civetta. Il pezzo forte del Museo Vittorino Cazzetta è certamente la salma del cacciatore-raccoglitore del Mesolitico denominata “L’Om de Mondeval” e rinvenuta da Vittorino Cazzetta ai piedi di una roccia sull’altopiano di Mondeval de Sora, ma il Museo presenta inoltre decine di reperti storici di epoca romana, tracce di dinosauri e fossili, i reperti del sito neolitico di Mandriz, reperti rinvenuti sulle Vie del Ferro e molto altro ancora. In più il Museo Cazzetta organizza durante le stagioni turistiche interessanti visite guidate e laboratori di archeologia sperimentale per tutta la famiglia grazie al lavoro degli appassionati volontari dell’Associazione Amici del Museo. Per maggiori informazioni sul Museo Civico della Val Fiorentina “Vittorino Cazzetta” potete rivolgervi ai contatti 0437 521068.

Museo Cazzetta

ARCHEOLOGIA, PALEONTOLOGIA E STORIA DELLA VAL FIORENTINA

Nei pressi del Pelmetto, raggiungibile sia da Selva di Cadore che da Palafavera, si trova un imponente masso marcato da più di 200 orme di piccoli dinosauri che costituisce una vera attrazione per i turisti appassionati di preistoria e per i bambini; un calco di questa roccia è a disposizione dei visitatori al Museo Civico della Val Fiorentina “Vittorino Cazzetta”. Poco sopra Toffol si imbocca il sentiero che conduce al sito neolitico di Mandriz, dove sono stati rinvenuti i reperti esposti nel Museo Civico della Val Fiorentina Vittorino Cazzetta; il luogo dei ritrovamenti è ben segnalato e costituisce una visita interessante per tutta la famiglia.

La roccia con le impronte di dinosauro al Pelmetto

La roccia con le impronte di dinosauro al Pelmetto

Durante uno scavo all’inizio del XX Secolo fu rinvenuto accidentalmente in località Solator un tunnel risalente al XIII Secolo, in condizioni eccellenti di conservazione; si tratta del Cunicolo Medievale di Solator. In origine il cunicolo era probabilmente un tunnel di collegamento tra un’antica dimora signorile, ormai scomparsa, ed una fantomatica torre che darebbe il nome al toponimo Solator (Sotto-La-Torre). Il cunicolo, dopo la necessaria messa in sicurezza, è visitabile da tutta la famiglia grazie alle le interessanti visite guidate dell’Associazione Amici del Museo durante la stagione estiva. Nel 2015 è ripresa inoltre la campagna di scavi archeologici da parte dell’Università di Ferrara a Casera Staulanza, durante la quale sono stati rinvenuti molti reperti risalenti al Paleolitico; la campagna, promossa dall’Università di Ferrara, è tutt’ora in corso.

Le antiche “vile” di L’Andria e Toffol costituiscono un’altra attrazione turistica interessante ed unica: si tratta infatti, caso più unico che raro, di due antiche borgate miracolosamente scampate alla modernizzazione degli ultimi decenni e che trasudano in ogni angolo il fascino originale degli antichi borghi di montagna; le borgate si possono visitare in autonomia o anche con le interessanti visite guidate proposte dalla Pro Loco Val Fiorentina durante la stagione estiva.

Selva di Cadore dispone della suggestiva area picnic Ai Palui in località Pescul in direzione del Passo Staulanza: si tratta di una zona soggetta al pagamento di un modico pedaggio utilizzato per il mantenimento della struttura.


Informazioni turistiche:

Pro Loco Val Fiorentina

Tel. 0437 720243

E-mail: info@valfiorentina.it

Affascinante scorcio di Mondeval de Sora

Affascinante scorcio di Mondeval de Sora

Commenti chiusi