Rocca Pietore-Marmolada

Agordino Dolomiti

ROCCA PIETORE-MARMOLADA: ai piedi della Regina delle Dolomiti

 

Rocca Pietore – Marmolada [La Ròcia in dialetto locale] è uno dei Comuni dell’Alto Agordino a vocazione più marcatamente turistica; è situato in Val Pettorina ai piedi della Marmolada (3343 m), la “Regina delle Dolomiti” (sistema Dolomiti UNESCO n. 2), che Rocca Pietore condivide con il vicino Trentino (a Rocca Pietore appartiene Malga Ciapela e la Funivia della Marmolada, Punta Rocca ed il ghiacciaio; al Trentino il Passo Fedaia e Punta Penia, la cima del massiccio); oltre alle frazioni della Val Pettorina, il Comune di Rocca Pietore – Marmolada include anche gli abitati distaccati di Digonera, Masarè di Rocca Pietore, Laste e Sopracordevole.

Panorama sulle Dolomiti da Punta Rocca sulla Marmolada

Panorama sulle Dolomiti da Punta Rocca sulla Marmolada

La Val Pettorina da Cima Sasso Bianco

La Val Pettorina da Cima Sasso Bianco

Un’eccellente offerta alberghiera e la possibilità di accedere simultaneamente alla pista più lunga del Dolomiti Superski (“La Bellunese”, ben 12 chilometri di discesa da brivido), al più alto museo d’Europa (il Museo della Grande Guerra 1915-18 in Marmolada) e al celebre Sellaronda o Giro dei Quattro Passi tramite il Passo Padon fa di Rocca Pietore una delle mete più visitate dell’Agordino e delle Dolomiti Patrimonio Naturale dell’Umanità UNESCO; una visita alla Terrazza Panoramica di Punta Rocca (3265 m) della Marmolada infatti è d’obbligo in ogni vacanza nelle Dolomiti degna di essere definita tale.

Civetta e Pelmo dalla frazione di Le Coste a Laste

Civetta e Pelmo dalla frazione di Le Coste a Laste


LA MAGNIFICA COMUNITÀ DELLA ROCCA

 

Rocca Pietore vanta una storia secolare di grande indipendenza politica e culturale rispetto alle grandi potenze dell’Europa che dominavano invece i territori vicini; per più di 400 anni infatti, Rocca Pietore godette di una indipendenza senza eguali sia dalla Repubblica di Venezia che dal Tirolo; si tratta del periodo della cosiddetta “Magnifica Comunità della Rocca“, una forma di autogoverno che amministrava in sostanziale autonomia il proprio territorio, almeno relativamente alla tassazione. Lo stesso toponimo “Rocca Pietore” sembra derivare dalla presenza di un’antica torre posta a guardia dei propri confini. La grande tradizione culturale di Rocca Pietore-Marmolada, a metà strada tra la tradizione veneto-veneziana e ladina, è ancora oggi molto sentita dagli abitanti del Comune; questa particolare commistione di culture si avverte nella parlata, nella tradizione culturale e nella cucina tradizionale di Rocca Pietore. Purtroppo l’accesso alle informazioni istituzionali relative alla storia antica di Rocca Pietore sono limitate agli archivi della Regione Veneto ed alle cronache del clero locale, essendo stato il vecchio archivio municipale completamente distrutto da un incendio nel XIX Secolo; le tracce del passato di rocca Pietore emergono da questi documenti e dall’interesse dei molti appassionati di storia locale. Una buona occasione turistica per approcciare la cultura di Rocca Pietore sono le serate storico-culturali denominate “Na Sera da Zacan“, ovvero “le Sere di un Tempo”; durante queste manifestazioni, che si svolgono a luglio ed agosto solitamente il giovedì sera ad opera del gruppo Comitato Manifestazioni Marmolada, il sobborgo di Sottoguda ospita dimostrazioni di attività tradizionali (forgiatura, scultura e lavorazione del legno, produzione di corde in canapa, produzione di scarpet), mercatini di prodotti tipici, musica e danze tradizionali del Gruppo Folk Marmoleda, dimostrazioni dei rievocatori storici e molto altro ancora. Un’altra magnifica manifestazione, copiata anche in altre zone più recentemente, è la Sbriseda, una manifestazione promossa dai giovani ed attivi volontari della zona dedicata allo sci in costume d’epoca (e preferibilmente con sci storici) che si svolge ogni anno a fine stagione sulla pista più lunga delle Dolomiti, La Bellunese.

Caracoi Cimai

Caracoi Cimai

La frazione di Rocca Pietore, sede municipale del Comune

La frazione di Rocca Pietore, sede municipale del Comune


SKI AREA ARABBA MARMOLADA

 

L’accesso per Rocca Pietore al comprensorio sciistico di Arabba – Marmolada è la località di Malga Ciapela; dal fondovalle si raggiunge velocemente Punta Serauta e Punta Rocca, la cima della Marmolada, tramite la Funivia della Marmolada, un’opera ingenieristica eccezionale; dalla Marmolada si accede tramite il Passo Padon alle piste della vicina Arabba ed al famoso ski tour del Sellaronda o Giro dei Quattro Passi, che non ha certo bisogno di presentazioni.

Il Sella dalla Marmolada

Il Sella dalla Marmolada

La località di Rocca Pietore-Marmolada è molto attiva dal punto di vista turistico ed intrattiene collaborazioni importanti con Arabba (con cui condivide il comprensorio sciistico) e con la vicina Alleghe con cui condivide parte del Lago di Alleghe; Malga Ciapela è collagata in inverno al comprensorio dello Ski Civetta tramite un efficente collegamento skibus di Dolomiti Bus.

"La Bellunese" della Marmolada

“La Bellunese” della Marmolada

La Funivia della Marmolada collega il fondovalle di Malga Ciapela a Punta Serauta e quindi Punta Rocca; alla stazione di arrivo Serauta della Funivia della Marmolada si trova il Museo della Grande Guerra 1915-18 in Marmolada; ampliato e restaurato nel 2015, il Museo della Marmolada è attualmente il museo più alto d’Europa e contiene i pezzi più rappresentativi tra i tanti reperti bellici rinvenuti nel Ghiacciaio della Marmolada.

Pic copyright: Funivie Marmolada press kit

Pic copyright: Funivie Marmolada press kit

Le vicende della Prima Guerra Mondiale in Marmolada sono famose universalmente anche per la mitica “Città di Ghiaccio“, un complesso sistema di gallerie, oggi distrutte dal ritirarsi dei ghiacciai europei, scavata dai soldati austriaci per rifornire la prima linea senza esporsi al fuoco italiano. Maggiori informazioni sul Museo della Grande Guerra 1915-18 in Marmolada al numero di telefono 0437 522984.

Pic copyright: Funivie Marmolada press kit

Pic copyright: Funivie Marmolada press kit

Altra grandiosa attrazione della Marmolada è la terrazza panoramica di Punta Rocca, il punto d’osservazione più alto delle Dolomiti con i suoi 3265 metri d’altitudine ed una strabiliante visuale a 360° su tutti i gruppi delle Dolomiti e su parte delle Alpi. A Punta Rocca sulla cima della Marmolada c’è inoltre una piccola cappella dedicata alla Madonna delle Dolomiti che fu anche meta di una visita da parte di Papa Giovanni Paolo II nel 1979 durante un soggiorno del pontefice nel vicino Cadore.  Sul versante trentino della Marmolada, al Passo Fedaia che collega Rocca Pietore a Canazei, si trova un altro Museo della Grande Guerra, ubicato nei pressi della stazione di partenza dell’impianto di risalita di Pian dei Fiacconi; per informazioni e prenotazioni potete contattare il Museo ai recapiti telefonici 0462 601181 e 347 7972356 e all’indirizzo E-mail debernardin@libero.it.

Partenza della Funivia della Marmolada a Malga Ciapela

Partenza della Funivia della Marmolada a Malga Ciapela

Panorama su Pale di San Martino e Pelmo dalla stazione intermedia della funivia

Panorama su Pale di San Martino e Pelmo dalla stazione intermedia della funivia


I SERRAI DI SOTTOGUDA

 

La zona della Marmolada è un territorio di grande valore ambientale, tutelato dalla Riserva Naturale della Marmolada; in questo luogo si trova l’impressionante gola naturale dei Serrai di Sottoguda, un canyon di 2,5 chilometri scavato dal corso del Torrente Pettorina che collega Malga Ciapela alla località di Sottoguda. Sottoguda è inoltre la sede di famose botteghe artigianali impegnate nella lavorazione del ferro battuto e nella scultura del legno; è quindi un ottimo posto in cui reperire souvenir delle Dolomiti tradizionali e sicuramente originali. La gola naturale dei Serrai di Sottoguda ospita spesso eventi culturali come Stagud’Art, rassegna di scultura ed arte locale valorizzata dall’alto profilo dell’ambientazione, e sportivi, come l’Ice Climbing Meeting, uno degli eventi invernali di arrampiacata su ghiaccio più importanti delle Dolomiti, che richiama ogni anno centinaia di sportivi da tutta Europa. Alla gola si accede in estate tramite il pagamento di un pedaggio (i cui proventi sono utilizzati in toto per la preservazione dell’ambiente della Riserva) ed è attivo il servizio pubblico del “Serrai Express“, il bellissimo Trenino Turistico dei Serrai di Sottoguda. Nella gola dei Serrai di Sottoguda è inoltre presente una graziosa cappella dedicata a Sant’Antonio da Padova.

Serrai di Sottoguda

Serrai di Sottoguda

Ice Climbing Meeting 2017

Serrai di Sottoguda

Serrai di Sottoguda

Ice climbing nella gola dei Serrai


IL CENTRO MULTIMEDIALE DELCROIX

 

Con contributo europeo si è recentemente giunti alla realizzazione di un prezioso strumento al servizio della memoria: il Centro Multimediale Delcroix. Ubicato a Sottoguda nella sede dell’Ufficio Turistico e dedicato alla memoria dell’eroe di guerra e parlamentare italiano Carlo Delcroix, il centro multimediale è uno spazio interattivo visitabile assolutamente gratuitamente che focalizza l’attenzione del visitatore più sulla triste vita dei soldati impegnati nella guerra di posizione che sulle vicende belliche in sè; per verificare gli orari di apertura del Centro Multimediale si consiglia di contattare l’Ufficio Turistico di Rocca Pietore al numero di telefono 0437 722277.

Centro Multimediale Carlo Delcroix Sottoguda Rocca Pietore Marmolada Dolomiti


IL SANTUARIO DI SANTA MARIA DELLE GRAZIE

 

In località Santa Maria delle Grazie, collocata tra il centro di Alleghe e la frazione distaccata di Caprile, sorge l’imponente Santuario di Santa Maria delle Grazie; si tratta di un frequentato luogo di culto gestito dai frati dell’Ordine Francescano, edificato nell’immediato Dopoguerra e dedicato alla Vergine Maria. L’edificazione del santuario di Santa Maria delle Grazie fu la naturale conseguenza della grandissima devozione popolare per la Madonna e per l’importanza nell’ambito delle Dolomiti che la precedente chiesetta aveva acquistato a partire dalla fine del XVII Secolo; i lavori per il nuovo santuario presero il via nel 1947 e furono completati nel 1954, mentre l’edificio venne consacrato nel 1965.


LASTE

 

La splendida e panoramica frazione di Laste merita sicuramente una visita; l’altopiano su cui è adagiata questa frazione di Rocca Pietore – Marmolada offre spettacolari vedute sulle Dolomiti Patrimonio Naturale dell’Umanità (Civetta e Pelmo, Tofana di Rozes, Lagazuoi, Col di Lana, Sella e molte altre) e piacevoli itinerari ben segnalati ed una splendida palestra di arrampicata sportiva al Sass de Rocia. Il paesino è molto piccolo ma dotato della bella chiesa di San Gottardo e di un bar/alimentari molto fornito.

Il panorama della frazione è dominato dalle imponenti sagome dei Monoliti di Ronch, grandi e spettacolari massi verticali adagiati sull’altopiano di Laste; il più grande tra questi monoliti è il Sass de Rocia, dotato addirittura di una via ferrata che lo risale e che conduce al Bivacco Pian delle Stelle posizionato sulla cima del masso. Altri grandi monoliti di Laste sono il Sass de la Murada (che in passato ospitava una piccola torre di vedetta in comunicazione con il Castello di Andraz e il Castello dei Sommariva ad Alleghe) e il Sass de la Gusela, un masso aghiforme (“gusèla” significa “ago”) che si staglia per circa settanta metri; a questi si aggiungono moltissimi massi di dimensioni più ridotte.

Laste offre molte possibilità di escursione: una certa fama ha l’escursione che conduce al Monte Migogn e nei pressi di Malga Laste; da qualche hanno, per lodevole iniziativa degli abitanti di Laste e dell’attivissimo Bar dei Gobi è stato creato l’itinerario “Laste Ciaspamoon“: si tratta della tabellatura (comprensiva di QR Code) di una facile ma estremamente suggestiva passeggiata che abbraccia la frazione di Rocca Pietore. La tabellatura è fruibile dagli ospiti tutto l’anno, ed in un paio di occasioni all’anno viene organizzata gratuitamente (con eventuale contributo libero in favore del Soccorso Alpino) una splendida escursione di gruppo al chiaro di luna sul percorso che viene anche illuminato con fiaccole. Questo splendido gruppo di lavoro ha creato anche un bel sito internet sul quale potete trovare informazioni aggiuntive su Laste (link qui).

La frazione di Laste

La frazione di Laste

Dettaglio della palestra di arrampicata di Laste

Dettaglio della palestra di arrampicata di Laste


BRAMEZZA

Bramezza è una frazione del Comune di Rocca Pietore, oggi quasi completamente disabitata, situata sulla riva destra del Torrente Cordevole in prossimità degli abitati di Caracoi Agoin, caracoi Cimai e Santa Maria delle Grazie; facilmente raggiungibile anche da Alleghe, Bramezza è un villaggio che riesce ad attirare la curiosità dei visitatori di Val Cordevole e Val Pettorina per alcune delle sue peculiarità architettoniche: alcuni elementi che compongono le antiche abitazioni della frazione ricordano infatti in qualche modo analoghi corrispondenti di natura orientale, e specificatamente turchi; secondo una leggenda (non dimostrata da testimonianze storiche), nelle prime fasi della sua vita la Repubblica Serenissima di Venezia avrebbe confinato proprio in questi luoghi prigionieri ottomani da utilizzare nei lavori boschivi, e da questo soggiorno forzato dei turchi sarebbe derivata la contaminazione architettonica tipica di Bramezza. Benchè non ci siano prove a sostegno dell’esistenza di una colonia turca in Alto Agordino nei secolo XVI e XVII, questa strana ed affascinante storia sembrerebbe trovare una piccola conferma nel toponimo della vicina Caracoi, molto simile al turco “Kara Koy“, ovvero “Villaggio Nero“.

Bramezza

Bramezza


VALLE OMBRETTA

 

Apprezzata destinazione escursionistica estiva è la Valle Ombretta ai piedi della Marmolada: questa piacevolissima passeggiata, adatta a tutta la famiglia, conduce attraverso la splendida valle fino al suggestivo Rifugio O. Falier. Il panorama della Valle Ombretta è superbo ed il contesto naturale incantevole; inoltre, d’estate la Val Ombretta è uno dei luoghi migliori delle Dolomiti UNESCO per osservare le marmotte nel loro habitat naturale.

Il Rifugio Falier in Val Ombretta

Il Rifugio Falier in Val Ombretta

La Val Ombretta ai piedi della Marmolada

La Val Ombretta ai piedi della Marmolada

Rocca Pietore dispone di 3 aree picnic attrezzate a disposizione degli ospiti della località: la prima si trova in località Pian dele Ris’ce, la seconda a Malga Ciapela (sprovvista però di griglie) e la terza in località Santa Maria delle Grazie.


Informazioni turistiche:

COT Marmolada
Tel. 0437 722277
E-mail: info@marmolada.com

Commenti chiusi