Gosaldo

Agordino Dolomiti

Gosaldo

Fascino naturale e storia mineraria della Valle del Mis

 

Comune agordino confinante direttamente con il Trentino, Gosaldo è una meravigliosa oasi naturale soleggiata e tranquilla delle Dolomiti Patrimonio Naturale dell’Umanità UNESCO; Gosaldo è per convenzione considerato parte della Conca Agordina sebbene il suo territorio sia in buona parte collocato nel contesto del bacino dell’alta valle del Torrente Mis (la Valle del Mis), affluente del Piave; il Comune di Gosaldo occupa una porzione di territorio particolarmente estesa (48 chilometri quadrati), buona parte della quale è inclusa nello straordinario ambito naturale del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, riserva naturale dello Stato Italiano.

 

Bivacco Menegazzi e Gruppo dell’Agner, Pale di San Martino

Gosaldo è un Comune composto da diversi piccoli abitati (un centinaio agli inizi del ‘900) sparpagliati sul territorio comunale; per quanto riguarda le Dolomiti Patrimonio Naturale dell’Umanità UNESCO, il protagonista indiscusso del paesaggio gosaldino è la straordinaria e maestosa Croda Granda (2849 m) nonché l’imponente parete sud-occidentale del Monte Agner; inoltre, dai diversi punti del Comune di Gosaldo è possibile scorgere moltissime altre cime del 3° dei 9 sistemi ufficiali riconosciuti e tutelati dalla Fondazione UNESCO Dolomiti, ovvero il sistema Pale di San Martino, San Lucano, Vette Feltrine e Dolomiti Bellunesi. Meta molto apprezzata dai visitatori dell’Agordino è la bellissima Valle dei Mis, una straordinaria oasi naturale delle Dolomiti UNESCO inserita nel Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi che merita senza dubbio una visita.

La Croda Granda dalla frazione di Tiser

Il Piz di Sagron dalla frazione di Tiser

Panorama su Gosaldo e Croda Granda dal Col di Luna

Panorama su Gosaldo e Piz di Sagron dal Col di Luna

Panorama sulla frazione di Tiser a Gosaldo

Panorama sulla frazione di Tiser a Gosaldo

Rustici in Via Pette a Gosaldo

Rustici in Via Pette a Gosaldo

Il panorama dalla piazza del Don di Gosaldo

Il panorama dalla piazza del Don di Gosaldo

Particolare della frazione di Tiser

Particolare della frazione di Tiser


MONUMENTI

 

L’attestazione più antica del Comune di Gosaldo risale al 1148 d.C. in cui viene denominato “Agosaltum”, toponimo di chiara origine longobarda (tracce longobarde sono molto comuni in Agordino – vedi sezione Storia dell’Agordino). Per secoli la popolazione di Gosaldo fu dedita all’agricoltura, alla pastorizia ed al lavoro nei boschi della valle, attività che furono poi relegate prevalentemente alle donne ed ai bambini in quanto la maggioranza degli uomini venne impiegata a partire dal Medioevo nelle miniere della zona, il Centro Minerario di Valle Imperina a Rivamonte Agordino e le Miniere di Vallalta a Gosaldo (a California ed alle Miniere di Vallalta abbiamo dedicato 2 articoli; questo del giugno 2016 e questo di ottobre 2016).

Il letto del Pezzea; sulla sinistra si vede l'accesso alla miniera Terrabugio di Sagron Mis, mentre il pozzo O'Connor si trova vicino al tavolo da picnic... una distanza veramente molto ridotta separava Italia ed Austria!

Il letto del Pezzea; sulla destra in foto (quindi sinistra idrografica) si vede l’accesso alla miniera Terrabugio di Sagron Mis (ex territorio austriaco), mentre il pozzo O’Connor (territorio italiano) si trova vicino al tavolo da picnic… una distanza veramente molto ridotta separava Italia ed Austria!

Miniera O'Connor (Gosaldo)

Miniera O’Connor (Gosaldo)

Miniera di Vallalta

Miniera di Vallalta (Gosaldo)

Fontana della frazione di Pattine, realizzata riciclando due grossi crogioli in ghisa dei forni fusori

Fontana della frazione di Pattine, realizzata riciclando due grossi crogioli in ghisa dei forni fusori

Scavo archeologico ARCA su sito metallurico medievale in località Le Loppe nelle vicinanze di California e Vallalta

Scavo archeologico ARCA su sito metallurico medievale in località Le Loppe nelle vicinanze di California e Vallalta

Con la catastrofica Alluvione del 1966 le Miniere di Vallalta ed il Centro Minerario di Val Imperina vennero definitivamente abbandonati, fatto che contribuì in maniera decisiva allo spopolamento di Gosaldo. La zona delle miniere condivisa con il Trentino, malgrado qualche (discutibile) intervento recente, è in stato di totale abbandono pressocchè totale (se si esclude qualche lodevole intervento privato), e sarebbe auspicabile da parte di Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi e Comune di Gosaldo un minimo di interesse ed un impegno costante nella manutenzione di un partimonio che rischia di scomparire a breve se non adeguatamente salvaguardato.

Veduta sulla selvaggia Valle del Mis

Veduta sulla selvaggia Valle del Mis

Rustico abbandonato a Gosaldo

Rustico abbandonato a Gosaldo

La frazione abbandonata di California

La frazione abbandonata di California

I Forni Fusori a Macatoch nel Centro Minerario di Vallalta

I Forni Fusori a Macatoch nel Centro Minerario di Vallalta

La frazione municipale del Comune di Gosaldo è Don; in questo luogo, nella piccola piazzetta al centro dell’abitato, sorgono le due chiese della frazione: la nuova chiesa di Don di Gosaldo, la chiesa della Beata Vergine Addolorata, edificata nel 1863, e la piccola e suggestiva chiesa di San Giacomo, situata di fronte alla chiesa della Beata Vergine Addolorata e risalente invece al XIII Secolo. Nella chiesa della Beata Vergine Addolorata sono custoditi un organo a canne di fabbricazione tedesca del 1923, opere pittoriche di Liberale Cozza, Antonio di Bettio, Francesco Frigimelica, Girolamo Moech e preziosi affreschi di Vito Cominelli.

Chiesa della Beata Vergine Addolorata a Gosaldo

Chiesa della Beata Vergine Addolorata a Gosaldo

Chiesa di San Giacomo a Gosaldo

Chiesa di San Giacomo a Gosaldo

Le due chiese di Gosaldo

Le due chiese di Gosaldo

Il centro di Don di Gosaldo

Il centro di Don di Gosaldo

La chiesa di San Giacomo

La chiesa di San Giacomo

Nella frazione di Tiser si colloca invece la chiesa di San Bartolomeo Apostolo; la chiesa di Tiser, con caratteristiche architettoniche marcatamente gotico-alpine, risale al XIV Secolo e fu consacrata nel 1568; al suo interno la chiesa di Tiser si fregia delle pregiate opere di Valentino Panciera-Besarel, Antonio Costa, Andrea Respurghen e Tommaso da Rin. La zona di Tiser è poi particolarmente ricca di antichi capitelli ed immagini votive sparse in tutta la frazione.

Chiesa a Tiser di Gosaldo

Chiesa di San Bartolomeo Apostolo  a Tiser di Gosaldo

La chiesa di San Bartolomeo Apostolo a Gosaldo

La chiesa di San Bartolomeo Apostolo a Gosaldo

Gosaldo

La frazione di Tiser

La frazione di Tiser

Frazione di Tiser

Frazione di Tiser

La chiesa più recente del Comune di Gosaldo si colloca a Forcella Aurine ed è dedicata alla Madonna delle Nevi; da questa chiesa parte un affascinante sentiero alla scoperta degli antichi capitelli della zona che ogni anno viene illuminato e percorso dai fedeli in occasione della ricorrenza dedicata alla Madonna delle Nevi il 5 Agosto.

Forcella Aurine dal Col di Luna

Forcella Aurine dal Col di Luna

Il valico di Forcella Aurine tra Voltago Agordino e Gosaldo

Il valico di Forcella Aurine tra Voltago Agordino e Gosaldo

Forcella Aurine

Forcella Aurine

Recentemente valorizzata da un lodevole intervento pubblico è la Calchera di Forcella Franche, antica fornace per la lavorazione della calce collocata non distante dalle nuove aree picnic di Forcella Franche. La calcherà è ammirabile sul sentiero “La Montagna Dimenticata” provenendo dal Centro Minerario di Valle Imperina in direzione di Gosaldo.

La Calchera di Forcella Franche

La Calchera di Forcella Franche

Gosaldo

Gosaldo

MINIERE DI VALLALTA E VILLAGGIO DI CALIFORNIA

Anche Gosaldo ha vissuto in passato per secoli dell’estrazione mineraria, prevalentemente di mercurio; il metallo veniva estratto dalla miniera di Vallalta, la quale a metà del XIX Secolo era tra le prime dieci miniere di mercurio in Europa per quantità di metallo estratto. Il declino dell’attività estrattiva si ebbe a partire dal 1963 quale coseguenza indiretta del Piano Marshall e di uno sfruttamento aggressivo e non pianificato del giacimento; la Miniera di Vallalta fu definitivamente abbandonata con la tremenda Alluvione del 1966 che colpì in maniera devastante tutta l’area dell’Agordino. La frazione in cui si colloca il Centro Minerario di Vallalta fu chiamata a partire dalla metà dell’800 con l’inconsueto nome di “California” (vedi scheda); dopo l’alluvione del 1966 la frazione è disabitata ed in attesa di opere di valorizzazione che, stando agli annunci, dovrebbero essere effettuati a breve.

I SEGGIOLAI AGORDINI 

Al pari di molti altri villaggi dell’Agordino e del Bellunese, Gosaldo ha subito a partire dalla fine del XIX Secolo una massiccia emigrazione verso le più disparate mete europee ed americane, emigrazione che ne ha sentenziato un drammatico spopolamento; la professione per eccellenza esercitata dagli emigranti di Gosaldo (assieme ai vicini di Rivamonte Agordino) è il caregheta” (anche detto “contha“), ovvero il seggiolaio, alla cui figura idealizzata è dedicata la statua posizionata Piazza San Giacomo ed opera dello scultore Gianni Pezzei.

Monumento al Seggiolaio nella piazza di Don di Gosaldo

Monumento al Seggiolaio nella piazza di Don di Gosaldo

Monumento al Contha a Gosaldo

Monumento al Contha a Gosaldo

Gosaldo

Nella frazione di Don a Gosaldo (indirizzo: Via Roma, 1, Gosaldo), non lontano dalle due chiese in prossimità del monumento ai Caduti sorge inoltre il Museo Etnografico del Seggiolaio, pregevole spazio espositivo suddiviso in 3 interessanti sezioni tematiche dedicate alla produzione casearia, all’artigianato delle sedie ed alla lavorazione di legno e metalli. Il Museo Etnografico di Gosaldo raccoglie oggetti tradizionali, utensili originali ed interessanti informazioni sui materiali utilizzati dai careghete di Gosado. Il museo è aperto al pubblico durante i mesi di Luglio ed Agosto e su prenotazione in altre giornate. Per maggiori informazioni e prenotazioni riguardp il Museo del Seggiolaio, i due numeri di telefono da contattare sono lo 0437 68288 e lo 0437 68433.

Il Museo Etnografico e del Seggiolaio a Don di Gosaldo

Il Museo Etnografico e del Seggiolaio a Don di Gosaldo

Gosaldo

Periodicamente, l’Union Ladin da Gosalt si occupa di organizzare interessanti corsi aperti a tutti sulla produzione di scarpèt (le tipiche calzature degli abitanti delle Dolomiti UNESCO), dei calzet (calzini) e sull’impaglio delle sedie alla maniera tradizionale dei Conthe.

PARCO NAZIONALE DELLE DOLOMITI BELLUNESI

Comune dallo straordinario contesto naturale e confinante direttamente con il Trentino, Gosaldo è una delle porte d’accesso allo splendido Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi; valorizzato in tempi recenti dagli sforzi congiunti del Comune, del Parco, della Provincia e della Comunità Montana, Gosaldo è attraversato da splendidi itinerari paesaggistici e storico-culturali, forse poco pubblicizzati; Gosaldo è infatti un Comune bello ed interessante, valevole di più d’una visita, una perla dolomitica selvaggia ed intatta per veri intenditori. Gosaldo offre ai visitatori una piacevole area picnic in località Pian del Don. Una delle mete più belle del Comune di Gosaldo è la Valle del Mis, una stupenda oasi naturale del Parco Nazionale assolutamente da visitare.

Cartello del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi a Gosaldo

Cartello del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi a Gosaldo

AURINE SKI

Al Comune di Gosaldo appartiene la stazione sciistica di Forcella Aurine denominata Aurine Ski, un piccolo ma divertente comprensorio sciistico ubicato appunto a Forcella Aurine, valico che congiunge la Valle dei Molini a Voltago Agordino. La piccola stazione sciistica è molto carina ed adatta a sciatori principianti o di medio livello; Aurine Ski è dotata di impianto di illuminazione per lo sci in notturna.

Vicoli di Tiser a Gosaldo sul sentiero La Montagna Dimenticata

Vicoli di Tiser a Gosaldo sul sentiero La Montagna Dimenticata

Cartelli a Tiser del sentiero tematico la Montagna Dimenticata

Cartelli a Tiser del sentiero tematico la Montagna Dimenticata

Pannello illustrativo con informazioni sulle Dolomiti installati dal Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi presso la chiesa di Tiser a Gosaldo

Pannello illustrativo con informazioni sulle Dolomiti installati dal Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi presso la chiesa di Tiser a Gosaldo

Rustici sul sentiero La Montagna Dimenticata

Rustici sul sentiero La Montagna Dimenticata

Rustici sul sentiero La Montagna Dimenticata

Rustici sul sentiero La Montagna Dimenticata

Pannello con informazioni turistiche al Don di Gosaldo

Pannello con informazioni turistiche al Don di Gosaldo


Informazioni turistiche:

Pro Loco Gosaldo Dolomiti
Tel. 0437 68383
E-mail: prolocogosaldo@gmail.com

Commenti chiusi